Confindustria Emilia Area Centro - Le imprese associate

19 novembre 2017

Scarica la versione in pdfScarica la versione in pdf

English Version English Version
Provincia di Modena in cifre

La provincia di Modena emerge nel panorama industriale italiano per l’elevata densità imprenditoriale, con una prevalenza di piccole e medie aziende: a fronte di una popolazione di oltre 702.820 unità sono attive 66.818 imprese, quasi una ogni dieci abitanti. Oltre 9.000 appartengono al settore agricolo, più di 36.000 ai servizi e oltre 21.000 sono industriali. Il Pil pro-capite è di quasi 30.000 euro (secondo posto in Emilia-Romagna e sesto in Italia).

La provincia di Modena in cifre

Popolazione (1° gennaio 2014) 702.820
Occupati (2013) 314.000
Tasso di disuccupazione (2013) 7,6%
Numero di imprese attive (marzo 2014) 66.818
Pil (2012) 29.533

Occupati per settore di attività economica

Agricoltura 2%
Industria 42%
Servizi 56%

Principali settori dell'industria

Comparti Aziende
Metalmeccanico (*)
3.548
Tessile-abbigliamento(*)
2.551
Ceramico(*) 461
Alimentare(*) 869
Biomedicale(*) 107

 * Al 2013. Fonte: Camere di Commercio di Modena

 

Sul piano occupazionale, il livello di disoccupazione è inferiore alla media italiana (7,6% rispetto al 12,2%) e a quella regionale (8,5%).

I settori industriali di maggiore rilievo sono il metalmeccanico, diffuso su tutto il territorio e rappresentato da 3.548 aziende; segue il tessile-abbigliamento con 2.551 imprese, di cui quasi la metà localizzate nel distretto carpigiano. Il settore alimentare conta 869 imprese, mentre sono 461 quelle del settore ceramico, dislocato nell’area di Sassuolo. Il distretto biomedicale, nel territorio di Mirandola, è costituito da 107 imprese.

L’export della provincia di Modena ha avuto un trend sempre crescente negli ultimi decenni e, nonostante la crisi economica globale, rappresenta una delle caratteristiche più rilevanti dell’industria modenese: nel 2013 le esportazioni hanno toccato i 10,72 miliardi di euro (+2,5% nel 2012), che rappresentano il 21,1% delle esportazioni dell’Emilia-Romagna e il 2,7% di quelle italiane.

I comparti economici di maggior peso, in termini di valore delle esportazioni, sono il metalmeccanico (compresi i mezzi di trasporto) con oltre 5 miliardi di euro di vendite sui mercati stranieri e la ceramica che se ne aggiudica 1,8; segue l’alimentare, con oltre 1 miliardo, e il tessile-abbigliamento, con 755 milioni.

Esportazioni

  valori in milioni € di cui area Ue 27
2007
10.539 55,7%
2008 10.891 53,6%
2009 8.143 53,9%
2010 9.308 53,9 %
2011 10.113 53,8%
2012 10.445 48,5%
2013 10.720 49% *(Ue 28)

Export per settori
 
Anno 2013

  valori in milioni €
Metalmeccanico
5.012
Tessile-abbigliamento 755
Ceramico 1.878
Alimentare 1.143
Biomedicale 109
 

La classifica dell'export
 in Emilia-Romagna

    valori in
 milioni €
Var.%
su 2012
1
Bologna (1)
11.473 2,1
2
Modena (2)
10.720 2,5
3
Reggio Emilia (3) 8.600 1,7
4
Parma (4) 5.671 2,6
5
Ravenna (5) 3.691 3,6
6
Piacenza (6) 3.492 10,5
7
Forlì-Cesena (7) 3.019 5,9
8
Ferrara (8) 2.264 -5,3
9
Rimini(9) 1.858 0,2

tra parentesi la posizione 2013
 Fonte: elaborazione Confindustria Modena su dati
 Istat

 

 

Le tabelle danno conto della consistenza economica della provincia. Una realtà articolata che trova solide basi nelle oltre 21.000 imprese dell'industria che assorbono il 42% degli occupati.

Pubblicità