La decisione di aprire il primo Exchange Information Point in Emilia-Romagna, è scaturita dal forte interesse dimostrato dalle aziende della regione verso il mercato borsistico.

Infatti il 25% delle piccole e medie imprese che si sono quotate nel 2007, hanno sede in Emilia-Romagna.

Nel panorama delle piccole e medie imprese quotate sui mercati di Borsa Italiana (MTA - segmenti STAR&Standard - e Expandi), l'Emilia-Romagna (38 società quotate con una capitalizzazione pari a 7.802 milioni di euro) risulta la seconda regione rappresentata dopo la Lombardia (80 società quotate con una capitalizzazione pari a 13.537 milioni di euro).

Restringendo l'analisi al segmento Star di Borsa Italiana, le 18 società emiliano-romagnole (rispetto alle 25 lombarde) detengono la leadership in termini di capitalizzazione di mercato (pari a 5.107 milioni di euro) e rappresentano il 28% circa del segmento.

La formula del Mercato Expandi è risultata particolarmente gradita alle aziende dell'Emilia-Romagna che, con 12 società quotate e una capitalizzazione di 1.145 milioni di euro (48% circa del Mercato), è la regione maggiormente rappresentata.

L'Exchange Information Point costituisce un ulteriore momento del progetto di Borsa Italiana per promuovere la quotazione intesa come un supporto alla crescita, alla competitività, alla dinamicità del sistema economico-finanziario e del tessuto industriale. La quotazione sui mercati gestiti da Borsa Italiana consente di raccogliere risorse ma soprattutto consente alle aziende di sviluppare un progetto globale di crescita dimensionale, culturale, di credibilità, visibilità e prestigio.


I dati riportati sono aggiornati al 31 agosto 2008
I dati del Mercato Expandi non comprendono le società quotate sull'ex Mercato Ristretto